Skip to content

HECL.INFO

Scarica Gratuitamente

ELETTRICITA STATICA SCARICA


    Assemblare o smontare un computer su una superficie di lavoro pulita e compatta riduce al minimo la possibilità che si generi un accumulo di elettricità statica. Inoltre, sarai in grado di controllare come l'elettricità statica carica il tuo corpo, riducendo il fastidio della scarica elettrica innescata dal contatto con superfici. L'elettricità statica è l'accumulo superficiale e localizzato di cariche elettriche su di un corpo. Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. Come possiamo eliminare l'elettricità statica dal nostro corpo? una volta tolti dalla lavatrice è sempre bene scuoterli per farli scaricare. Scarica-elettricita-statica-esd - Chiave Dinamometrica - Camera di Ispezione - Filettatrici Elettrica - Chiave ad Impulsi Impatto.

    Nome: elettricita statica
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratis!
    Dimensione del file:15.59 Megabytes

    Per impedire che l'elettricità statica si possa accumulare e scaricare sui delicati componenti interni del tuo computer, occorre adottare una semplice precauzione. Nella maggior parte dei casi dovrai semplicemente toccare un elemento metallico che sia collegato alla messa a terra dell'impianto elettrico di casa o appoggiato sul pavimento.

    La maggior parte dei tecnici professionisti adotta questo accorgimento prima di toccare o installare un nuovo componente, sensibile all'elettricità statica, all'interno di un computer per esempio la scheda madre. Tocca una delle parti metalliche non verniciate della struttura del case prima di iniziare a lavorare.

    In alternativa, se mentre stai lavorando all'interno del computer vuoi essere certo che una scarica elettrostatica non possa danneggiarlo, puoi appoggiare il braccio non dominante sulla struttura metallica del case del computer. Ricorda che deve trattarsi di un oggetto metallico non verniciato e collegato direttamente a terra, per esempio un calorifero o la schermatura metallica del case del computer.

    In cosa consiste, allora, il rischio? I nostri sensi non ci permettono di rilevare la presenza di elettricità statica.

    E la maggior parte delle cariche statiche che collaboriamo a formare si dissipa naturalmente senza che neppure ce ne accorgiamo. L' unico caso in cui ne prendiamo "visione" è quando l' energia accumulata è sufficiente a produrre qualche effetto visibile-udibile: l' attrazione di peli e capelli, le scintille e gli scoppiettii, se non la "scossetta"! Ed allora é troppo tardi per i delicati circuiti elettronici che hanno capacita di isolamento di qualche decina di volt contro le decine di migliaia producibili semplicemente strofinando due pezzi di fibra sintetica.

    Immagine al microscopio elettronico di una giunzione perforata da una forte carica statica. Si nota il foro prodotto dalla vaporizzazione del silicio e le gocce di materiale generate. Rohm Semiconductors Immagine al microscopio elettronico del gate di un transistor MOS, in un circuito integrato Freescale, danneggiato da una scarica.

    L' intensità della corrente ha fuso il polysilicon che ha creato delle formazioni simili a radici, migrando tra il gate a sinistra e il source. Finchè siamo seduti nell' auto, anche noi facciamo parte della carica e non abbiamo alcuna sensazione.

    Ma nel momento in cui poggiamo un piede a terra e tocchiamo la carrozzeria, dove si è concentrata la maggior parte della carica, facciamo un ponte conduttivo a terra e la carica si "scarica" attraverso di noi.

    Traduzione di "scarica di elettricità" in francese

    Le immagini qui sopra danno l' idea di cosa avvenga all' intervo dei chip, costituiti da strati di spessore atomico di materiali conduttori, nel momento in cui, carichi di elettricità statica, ne tocchiamo uno dei pin mentre altri pin sono in qualche modo connessi a terra. E questo "qualche modo" comprende anche il fatto prendere in mano il chip che era appoggiato sul tavolo di lavoro.

    All' interno del semiconduttore le alte tensioni, sia pure con bassissime potenze, danno origine alla rottura degli strati isolanti e quindi alla distruzione di tutto o parte del chip. Poichè manca la conoscenza del fenomeno, i guasti dovuti alle cariche elettrostatiche sono catalogati come casuali o DOA Dead On Arrive , dato che all' esterno dei componenti non si nota alcuna variazione e solo con una analisi microscopica del chip è possibili rilevare il danno, che non è dipeso dal costruttore, ma dalla nostra imperizia.

    Non lo sono, ovviamente, i componenti passivi, come resistenze, bobine, ecc e lo sono poco componenti discreti come diodi, transistor a giunzione, ecc.

    Mentre la corrente elettrica è un flusso di elettroni, l'elettricità statica è uno squilibrio tra cariche negative e positive nei corpi. Queste cariche possono accumularsi sulla superficie di un oggetto fino a trovare un modo per essere rilasciate e scaricate in un solo istante.

    Come eliminare l’elettricità statica dagli abiti

    Uno dei modi per scaricarle è attraverso l'attuazione di un corto circuito. Una delle maggiori cause di accumulo dell'elettricità statica è il contatto tra materiali solidi. Quando due oggetti vengono strofinati tra loro, uno di essi "regala" gli elettroni e diventa più carico positivamente mentre l'altro materiale raccoglie tali elettroni e diventa più carico negativamente. L'effetto è più osservabile quando l'aria è secca.

    elettricità statica tessuti scossa abiti sintetici poliestere

    Il suo effetto non è letale poiché, oltre a durare pochi millesimi di secondo, la scarica non ha praticamente corrente vi sono pochissimi elettroni. Anche un liquido che percorre un tubo è, potenzialmente, generatore di elettricità statica. Quando si fa rifornimento di benzina con la pompa, occorre sempre prestare la massima attenzione e scaricare a terra le parti metalliche dell'auto. Molti incendi ed esplosioni, apparentemente senza motivo, sono stati causati proprio dall'elettricità statica.

    Anche il dirigibile Hindenburg vedi figura 1 fu distrutto da una piccola scintilla che fece esplodere in un attimo tutto l'idrogeno, altamente infiammabile in esso contenuto. Durante il volo, infatti, aveva accumulato una quantità enorme di elettricità statica ed è bastato veramente poco per attivare l'innesco di una piccola ma fatale scintilla.

    Il pallone, ricordiamolo, era pieno d'idrogeno, altamente infiammabile. Figura 1: l'Hindenburg esplose per una scintilla causata dall'elettricità statica Ovviamente l'elettricità statica non fa solo danno. Essa è molto utilizzata anche nell'elettronica.

    Si pensi, ad esempio, quando si carica un condensatore elettrolitico e si stacca, poi, l'alimentazione. Le armature restano polarizzate per molto tempo.

    Se si avvicinano, poi, i due contatti del componente sotto un certo limite di distanza, scoccherà un'importante scintilla.