Skip to content

HECL.INFO

Scarica Gratuitamente

SCARICA DIETA VEGETARIANA DA


    Contents
  1. Quale dieta? Vegetariani contro Onnivori
  2. Dieta vegetariana
  3. Dimagrire con la dieta vegana: torna in forma con l’alimentazione naturale.
  4. Dimagrire con la dieta vegana: esempi pratici (e molto altro)

Alla fine dell'articolo trovi il PDF da scaricare con le ricette da provare. Tabella di ''La prescrizione di diete vegetariane riduce il peso corporeo medio''. Il tipo di proteine fornite da una dieta vegetariana è un altro importante aspetto vantaggioso per la salu- te. È stato infatti dimostrato che la sostituzione delle. Scopri tutto quello che devi sapere sulla dieta vegetariana, consigli utili, quali sono gli Lo stile alimentare vegetariano nasce da un modo di vivere Ci vuole l'apertura mentale e l'informazione: scaricare guide, leggere. Con GeniusVeg hai il nutrizionista in tasca! Questa applicazione ti permette di scegliere i prodotti più adatti per la tua dieta vegana, vegetariana o pescetariana. Ma puoi seguire anche una dieta vegetariana perché non vuoi mangiare tanta carne: in quel caso è bene sapere che stravolgere da un giorno.

Nome: dieta vegetariana da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratis!
Dimensione del file:24.78 MB

Il vegetarianismo , o vegetarismo , o vegetarianesimo designa, nell'ambito della nutrizione umana , un insieme di diverse pratiche alimentari , accomunate dalla limitazione o dall'esclusione di parte o del totale degli alimenti di origine animale [1] [2] , che danno luogo a diete basate in prevalenza su alimenti di origine vegetale [3] [4].

Sono decise sulla base di motivazioni etiche, religiose, igienistiche o salutistiche [5] [6]. Il termine italiano "vegetarianismo" deriva da "vegetariano", neologismo diffusosi agli inizi del XX secolo [7] [8] [9] come adattamento dell' inglese vegetarian [10] , a sua volta derivato da vegetable che vive e cresce come una pianta , dall' antico francese vegetable vivente, degno di vivere con radice dal latino vegetus sano, attivo, vigoroso [11] [12].

Di uso comune per indicare il vegetarianismo è anche la forma abbreviata "vegetarismo", e la forma suffissata in " -esimo ", "vegetarianesimo" [13]. Nella moderna condotta vegetariana si possono distinguere diverse pratiche alimentari, che si producono in abitudini dietetiche che, sebbene possano essere anche molto differenti l'una dall'altra, sono tutte accomunate dalla esclusione della carne di qualsiasi animale , terrestre, volatile o acquatico [4] [5] e in generale dei prodotti della macellazione e della pesca [1] , compresi i sottoprodotti fra cui uova di pesce , caglio animale, olî e grassi animali.

Sono le seguenti:. Coloro che seguono queste pratiche alimentari sono classificati genericamente come vegetariani [4] [15] , anche se all'interno di tale gruppo gli individui sono distinti in base al tipo specifico di dieta seguita e, soprattutto, alle motivazioni di base prevalenti, che distinguono in particolare i semplici vegetariani latto-ovo-vegetariani, latto-vegetariani, ovo-vegetariani dai vegani vegetaliani, crudo-vegani, fruttariani.

I semplici vegetariani, che normalmente includono l'alimentazione in una più vasta scelta etica, evitano inoltre alimenti che comprendono alcuni particolari ingredienti di origine animale, anche in ridotte quantità, come i prodotti da forno preparati con strutto [29] , oppure alimenti ottenuti con coadiuvanti come il caglio animale, utilizzato per la realizzazione della maggior parte dei formaggi [30] , come il carbone animale , utilizzato per chiarificare lo zucchero [31] , e come la gelatina animale , utilizzata per chiarificare il vino [32].

I vegani ritengono tuttavia che il semplice vegetarianismo non eviti l'uccisione indiretta degli animali allevati, perché questa viene solo posticipata nel tempo con la futura macellazione. I semplici vegetariani invece credono nell'ideale che si possa dar vita a un rapporto simbiotico di autentico mutualismo tra uomo e animale dove, in particolare, l'allevamento non preveda il maltrattamento e il fine ultimo della macellazione.

Non mangiare la carne in gravidanza rende necessario sopperire alla sua mancanza consumando in primo luogo le uova, alimento ricco di proteine.

Andrebbero assunte almeno tre volte a settimana. Consumare tanti legumi secchi e la soia.

Quale dieta? Vegetariani contro Onnivori

Anche la soia e i cibi a base di soia possono correre in aiuto delle future mamme vegetariane per integrare le proteine la soia fra l'altro è anche un'ottima fonte di vitamina B Fanno molto bene anche i cereali integrali e in generale tutti gli alimenti realizzati con farina integrale. Più calcio e vitamina D con formaggi e latticini.

In caso di dieta vegetariana non va trascurata nemmeno l'assunzione di latte e latticini, per avere il giusto apporto di calcio e vitamina D. Perfetto anche lo yogurt.

Dieta vegetariana

I latticini possono essere sostituiti in caso di intolleranza al lattosio, ad esempio con altri alimenti ricchi di calcio come le verdure a foglia verde tipo i broccoli , il sesamo, la soia e i fichi secchi. Attenzione al ferro. Attenzione al ferro Il problema della carenza di ferro, con conseguente anemia, si presenta spessissimo in gravidanza, e in particolar modo nelle gravidanze vegetariane. In realtà è necessario fare un po' di chiarezza: non è che fra i vegetariani si riscontri più spesso l'anemia rispetto a chi mangia la carne, anche perché alimenti solitamente molto consumati dai vegetariani come ortaggi a foglie verdi, frutta secca, cereali integrali e legumi secchi sono proprio ricchi di ferro.

Oltre ad un adeguato consumo di latticini e uova ricchi di ferro , bisogna abituarsi a seguire qualche accorgimento. Ad esempio è molto utile associare al consumo di alimenti vegetali ricchi di ferro come legumi, ortaggi a foglie verdi e frutta secca cibi ricchi di vitamina C , perché la vitamina C favorisce una maggiore assimilazione del ferro.

Via libera quindi a frutti come kiwi e agrumi. Non è invece consigliabile abbinare il consumo dei prodotti vegetali ricchi di ferro con cioccolato, caffè e vino rosso, perché le sostanze contenute in questi alimenti possono limitare l'assorbimento del minerale.

Tanta verdura e tanta frutta.

Anche se è un consiglio piuttosto scontato, visto che i vegetariani sono di solito dei grandi consumatori di frutta e verdura, meglio ribadirlo: non bisogna assolutamente farsi mancare frutta e verdura, fresche e di stagione. Apportano in abbondanza sali minerali e vitamine importantissime in gravidanza come l'acido folico.

Il consiglio in più è quello di cucinare le verdure al vapore, perché è un metodo di cottura che preserva l'integrità delle vitamine, senza farle disperdere come spesso succede con altri metodi di cottura. Particolarmente indicate le noci, le mandorle e i pistacchi. Inserisci un indirizzo email valido. Riceverai una mail con le istruzioni per la pubblicazione del tuo commento.

I commenti sono moderati. Ricompila i campi rossi nel formato corretto. Commento caratteri rimasti.

Dimagrire con la dieta vegana: torna in forma con l’alimentazione naturale.

Pur avendo a disposizione una discreta varietà di carne e vegetali questo non significava benessere per tutti, ma solo per le classi abbienti che potevano mangiare carne, mentre i cereali erano la maggior parte del sostentamento delle classi povere.

Al contrario i primi coltivatori e allevatori hanno dovuto iniziare a fare i conti con condizioni metereologiche avverse, alluvioni, pestilenze, ergo carestie di cui dà memoria anche la Bibbia. Negli anni 50 in Italia mangiare carne era ancora prerogativa dei ricchi, nella maggioranza delle famiglie si mangiava carne o pesce una volta a settimana quando andava bene, altrimenti ci si cibava di patate, legumi, grano, mais.

È anche vero che molte malattie si potrebbero evitare se si mangiassero 2 o più porzioni di verdura e 3 frutti al giorno, ma non è per nulla provato che ci si ammalerebbe di più mangiando alimenti di origine animale nelle giuste quantità.

Dimagrire con la dieta vegana: esempi pratici (e molto altro)

Per rispondere alla domanda se sia meglio essere vegetariani o onnivori , dobbiamo prima fare chiarezza sul significato di onnivoro e vegetariano, poi verificare se la grande offerta, più o meno diffusa, dei svariati alimenti di cui oggi disponiamo consente a tutti di adottare il regime alimentare che più lo soddisfa. In buona sostanza la dieta onnivora consente di coprire i fabbisogni nutrizionali con alimenti che fanno parte della tradizione mediterranea, facili da reperire, oltre che ingredienti fondamentali per moltissime gustose preparazioni.

Generalmente non procura carenze nutrizionali e dona salute se equilibrata in nutrienti e nel rispetto del bilancio energetico. Proteine ad alto valore biologico Queste proteine che troviamo nella carne e nel pesce sono presenti anche nelle uova, nel latte e nei latticini come lo yogurt e nei formaggi, le maggiori quantità si trovano in quelli stagionati come il Grana Padano DOP che essendo un concentrato di latte fresco, ma meno grasso del latte intero perché parzialmente decremato durante la lavorazione, fornisce ottime quantità di proteine essenziali ad alto valore biologico proteine composte da 8 aminoacidi essenziali e, come il latte, vitamine A, il gruppo B in particolare la B12 ecc.

Unendo i legumi ai cereali pasta e fagioli, riso e piselli, minestra di ceci ecc. Il mondo vegetale ci offre anche alimenti che contengono proteine con gli 8 aminoacidi essenziali come la Quinoa.

Appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae come gli spinaci e le barbabietole e, oltre a contenere gli aminoacidi essenziali in proporzioni bilanciate secondo le linee guida OMS , contiene tanto amido, minerali e fibre come nei cereali integrali per questo viene considerata un pseudocereale. Questo regime alimentare comprende tutti gli alimenti consentiti in quella latto-ovo-vegetariana, ma esclude anche gli alimenti di origine animale terrestre come latte, latticini e uova.

Chi adotta questa dieta dovrà attingere dal mondo vegetale e marino una quantità di alimenti che possa sostituire alcuni nutrienti presenti in latte e latticini e uova. Una delle carenze possibili per tutti i vegetariani in generale è certamente il ferro che è biodisponibile soprattutto nella carne.

Hai letto questo? BEARSHARE 2009 SCARICARE

I vegani non mangiano nessun animale né terrestre né marino né i loro derivati quali latte, uova, oli di pesce, ma solo esclusivamente alimenti di origine vegetale compresi i vegetali del mare come le alghe. La maggioranza di noi sa che la B12 è importante, ma spesso si ignorano le conseguenze della carenza di questa vitamina.

La dieta vegana richiede molta attenzione e cultura specifica, non è facile da seguire ed è per questo che nei vegani si riscontrano spesso problemi di malnutrizione con conseguenze a carico di molti organi e sistemi. Alcuni alimenti di questa dieta sono reperibili solo in negozi specializzati e hanno costi elevati. Per chiunque e a qualunque età, sapere quanto mangiare non è semplice e calcolare quali e quanti nutrienti assumere per raggiungere il fabbisogno giornaliero è complesso anche per un esperto.

I menu settimanali sono composti da 5 pasti al giorno: colazione, spuntino del mattino, pranzo, merenda e cena, realizzati con tutti gli alimenti necessari ai nostri fabbisogni nutrizionali a seconda del sesso, età e indice di massa corporea.

Determinare se ci stiamo comportando nel modo giusto non è facile. Potrai leggere subito i consigli personalizzati che ti saranno inviati anche per e-mail insieme alla prima guida in pdf e riceverai per ogni stagione 2 guide che illustrano gli alimenti con maggiore capacità antiossidante e protettiva. Vegetariani contro Onnivori.