Skip to content

HECL.INFO

Scarica Gratuitamente

730 PRECOMPILATO 2018 DOVE SI SCARICA


    Il 16 aprile sarà disponibile il modello precompilato sul portale Fisconline, ma solo dal 2 maggio si potrà modificare. La guida per. precompilato come accedere modello online tramite Pin INPS Hanno avuto la partita Iva attiva almeno per un giorno nel corso del , Prima di spiegare le modalità con cui poter scaricare il nuovo Ecco la guida a come modificare il modello / precompilato modificare e scaricare il modello / su Fisconline cerchiamo di. La dichiarazione precompilata che l'Agenzia delle Entrate mette a tua Accetta il e invia oppure Modifica il e invia; Redditi Web: Modifica Redditi Web e invia; Redditi Online: Scarica il software. 7 Redditi precompilato e per inviare il modello Redditi correttivo del Come posso registrarmi a Fisconline?. Disoccupati, inoccupati e lavoratori sospesi · Lavoratori · Lavoratori migranti · Pensionati · Persone con disabilità e invalidità.

    Nome: 730 precompilato 2018 dove si
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratis!
    Dimensione del file:49.64 MB

    730 PRECOMPILATO 2018 DOVE SI SCARICA

    Dal , invece, entrano come dati precompilati le spese per gli asili nido e tutte le donazioni ad Onlus, associazioni di promozione sociale, fondazioni e ulteriori associazioni.

    Mancheranno inoltre anche le spese per le attività sportive dei ragazzi. In sostanza, a livello di informazioni disponibili sul modello precompilato, non vi sono differenze fra il e il Redditi. Il Redditi precompilato contiene infatti gli stessi dati già inclusi nel e per di più non contiene i redditi esteri, d'impresa e da lavoro autonomo non occasionale, che quindi andranno per forza integrati. Come scarico la dichiarazione precompilata? Va chiarito subito che né il né il Redditi precompilato vengono spediti a casa e tanto meno per posta elettronica.

    Dopodiché, una volta ricevuto il PIN, potrà consultare la dichiarazione ed eventualmente integrarla in via autonoma, restando pienamente responsabile di quanto dichiarato. Altrimenti, senza dover aspettare di ottenere il PIN, ci sarà sempre la possibilità di rivolgersi a un CAF o a un intermediario abilitato che potrà scaricare la dichiarazione per conto del contribuente e assisterlo nella procedura di verifica e invio.

    Come è facilmente pronosticabile osservando il predetto calendario, molto probabilmente il grosso delle dichiarazioni sarà trasmesso entro il 23 luglio. Cosa deve essere controllato prima di inviare la dichiarazione? A tale proposito, dunque, per evitare qualche dimenticanza o errore, va fatto il riscontro tra le spese indicate nella dichiarazione e i documenti in possesso. I contribuenti possono accedere alla dichiarazione anche utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi rilasciata dalle Camere di Commercio.

    Infine, i contribuenti possono rivolgersi a un Caf o a un commercialista, soprattutto se devono fare modifiche importanti alla precompilata. Iva, e Certificazione unica: i modelli sul sito dell'Agenzia delle Entrate Novità per quest'anno per il modello precompilato con l'aiuto del Fisco.

    Cosa significa?

    Nel caso in cui il contribuente debba apportare dei cambiamenti ai dati presenti online, potrà fare da sé grazie alla compilazione assistita : un editor online permetterà di aggiungere o eliminare spese, che saranno aggiunte direttamente nel quadro E della dichiarazione. Date e scadenze online Come ogni anno dalla sua introduzione, il precompilato è disponibile online a partire dal 16 aprile I contribuenti avranno a disposizione circa 2 settimane per scaricarlo ed, eventualmente, integrarlo.

    Discorso leggermente diverso per i lavoratori autonomi che dovranno presentare il modello Redditi Uni. Come accedere al precompilato Per poter scaricare la dichiarazione precompilata online sarà necessario avere delle credenziali d'accesso e identificative che siano compatibili con i sistemi della Pubblica Amministrazione.

    Il precompilato potrà essere consultato, scaricato ed eventualmente modificato grazie alle credenziali SPID , il sistema pubblico di identità che permette di accedere a tutti i servizi online della PA digitale.